Archivio dell'autore: paolo de lazzaro

Io spero nel passo falso della Juve

“Spes ultima dea” dicevano i nostri antenati. Per questo forse la speranza ha preso quel sapore da ultima spiaggia che ne ha fatto un sentimento illusorio. Come a dire che quando non c’è più motivo per credere alla rimonta, non … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Io sogno (-2 al boccaporto)

Ebbene sì. Lo ammetto. Io sogno. Sogno inspiegabilmente. Sogno irragionevolmente. Sogno di salire le scalette che portano al boccaporto l’11 Maggio 2014 a -2 dalla Juve. Sogno con un pugno di cellule della capoccia che non vogliono ascoltare gli appelli … Continua a leggere

Pubblicato in Campionato | 1 commento

Di cosa parliamo quando parliamo di calcio

L’episodio della sciarpa celebrativa del derby perso dieci giorni fa’, non credo debba essere derubricato a episodio secondario, e merita una riflessione più profonda di quella che potrebbe vederci polarizzare tra falchi e colombe. Che una società si organizzi e … Continua a leggere

Pubblicato in Filosofia | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Cosa sta succedendo dentro di noi?

“Lo sai che te dico? Che quasi quasi manco me ne frega un cazzo de avè perso sta partita!” Dopo questa frase detta da Gecko col cuore in gola e le lacrime che fanno capolino dietro le palpebre, non può … Continua a leggere

Pubblicato in Filosofia, Psicopatologia | Contrassegnato | Lascia un commento

Intorno all’uso scellerato degli errori come strumenti di autolesione

Prendersela con l’appoggio sbagliato di De Rossi sul primo gol subito dalla Roma a Genova sarebbe sbagliato come lo è stato prendersela con Tachsidis perché sbagliava appoggi in modo simile. Certo il tasso di analogia spinge a cadere nell’errore ma … Continua a leggere

Pubblicato in Campionato, Psicopatologia | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Qualcuno era Zemaniano

Qualcuno era Zemaniano perché vedeva il miglior attacco come una promessa, le sovrapposizioni come una poesia, il 433 come il “Paradiso Terrestre”. Qualcuno era Zemaniano perché Zeman era una brava persona. Qualcuno era Zemaniano perché troppi non erano una brave … Continua a leggere

Pubblicato in Quattrotrettrè | Contrassegnato | 5 commenti

“Me sa che te licenzio… Anzi no… forse dopo…”

Non so se a voi è mai capitata una cosa del genere ma francamente non credo, perché ogni datore di lavoro sa che dopo una comunicazione del genere il vostro impegno sarà quantomeno messo in crisi. Questo è successo ma … Continua a leggere

Pubblicato in Psicopatologia | Contrassegnato , , , | 2 commenti